Nanotecnologie, chip più efficienti con luce ultravioletta

Uno studio del ricercatore della Fondazione Bruno Kessler Mher Ghulinyan sui chip che utilizzano i fotoni al posto della corrente elettrica è stato pubblicato sulla rivista scientifica internazionale Optica. Seguendo un'intuizione scientifica, Ghulinyan ha esposto i "risonatori" ai raggi ultravioletti e ha visto che in questo modo la loro efficienza veniva incrementata e per di più che bastava un'unica esposizione perché il miglioramento si mantenesse in modo permanente. "Utilizzando le nostre capacità di micro e nanotecnologie presso il Centro Materiali e Microsistemi della Fondazione Kessler" - sottolinea Ghulinyan - abbiamo realizzato dei dispositivi di altissima qualità". "Questi risultati - aggiunge - possono avere delle importanti ricadute sullo sviluppo dei futuri dispositivi nell'ambito delle tecnologie quantistiche e anche per i sensori ottici di vari tipi usati nella vita quotidiana, in campo ambientale o sanitario".

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Lusiana

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...